Menu

Il premio Nobel Dario Fo ci lascia con un "Gran Finale"

Ott 13, 2016 - News

“Seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”

Questa la motivazione con cui nell’ottobre del 1997 l’Accademia di Svezia conferisce il Premio Nobel per la letteratura all’italiano Dario Fo, che, come pochi, negli ultimi settant’anni di storia italiana, è riuscito con le sue opere ed il suo impegno civile a toccare le corde dell’anima e scuotere coscienze con ironia e sagacia difficilmente riscontrabili.

Ironia della sorte, proprio in quei stessi giorni di ottobre, Milano lo ha visto spegnersi all’età di novant’anni, indebolito nel fisico da una malattia respiratoria che lo accompagnava già da un po’, ma non nella menta e nello spirito. Quella passione e quella voglia di esserci fino in fondo che lo ha portato a lavorare fino all’ultimo giorno, senza sosta, perchè il suo lavoro è sempre stata la sua vita e lo dimostrano la molteplicità di opere, non solo teatrali, che ci ha lasciato.

Lo ricordiamo assieme alla sua compagna di vita Franca Rame,  con la quale ha portato avanti progetti artistici e battaglie civili e politiche.

Alcune delle sue opere: farse – Il dito nell’occhio ,1953; Mistero buffo. Giullarata popolare in lingua padana del ‘400, Cremona, Tip. Lombarda, 1969; Morte accidentale di un anarchico, 1970; Il ratto della Francesca, Milano, La Comune, 1986; C’è un re pazzo in Danimarca, da un’idea di Jacopo Fo, Milano, Chiarelettere, 2015. Cinema: Scuola elementare, regia di Alberto Lattuada (1955), Lo svitato, regia di Carlo Lizzani (1956),Follie d’estate, regia di Edoardo Anton e Carlo Infascelli (1963), Musica per vecchi animali, regia di Umberto Angelucci e Stefano Benni (1989), Francesco, lu santo jullare, film TV, regia di Felice Cappa (2014) Opere Musicali: 33 giri – 1962: Dario Fo & Franca Rame (Dischi Ricordi, MRL 6029),1966: Ci ragiono e canto (I dischi del sole, DS 119/21; con il Nuovo Canzoniere Italiano). EP – 1960: Le canzoni di Fo Vol. 1 e 2 (Dischi Ricordi), 1964: Le canzoni di “Settimo: ruba un po’ meno” (I dischi del sole, DS 25; con il Fiorenzo Carpi). 45 giri – 1962: Il mio amico Aldo/Tre storie di gatti (una triste, una allegra, una media) (Dischi Ricordi/Baffo, Baffo I; con Giorgio Gaber),1970: Ma che aspettate a batterci le mani?/E chi ce lo fa fare? (Edipan, lv 7011),1980: I supereroi parte 1/I supereroi parte 2 (Fonit Cetra, CTC 002), 2010: A solo un metro (Verba Manent/Collezione Ubix, con Luca Bussoletti). CD – 2009: Fo canta Fo (Edipan, CD PAN 1001)